Pianificazione e strategie

  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/vhosts/fizz.it/httpdocs/modules/acquia/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/vhosts/fizz.it/httpdocs/modules/acquia/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.

L'evoluzione del prodotto culturale

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Febbraio 2006
Michele Trimarchi

L’analisi economica ha analizzato a più riprese la domanda di prodotti culturali e la sua fenomenologia. Tale analisi si è svolta spesso nella consapevolezza di una capacità parziale, da parte dell’economista, di inquadrare e interpretare esaustivamente un fenomeno complesso come la domanda di prodotti con una forte carica simbolica e per molti versi sentimentale.

Le politiche teatrali di prezzo (estratto da libro "La gestione dell'impresa teatrale")

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Ottobre 2005
Fabiana Sciarelli

"La confusione non è una mia invenzione…Ne siamo circondati e l’unica possibilità che abbiamo è lasciarla entrare. La sola possibilità di rinnovamento è aprire gli occhi e vedere il disordine…Ci sarà una nuova forma e…questa forma sarà tale da ammettere il caos e da non tentare di spacciarsi per qualcos’altro".
Samuel Beckett

Il "mistero buffo" del pricing teatrale

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Luglio 2005
Dario Ferrante

La determinazione del prezzo del biglietto per gli spettacoli dal vivo ha da sempre rappresentato una sfida, una sorta di "mistero buffo" per gli addetti ai lavori e per chi si occupa di marketing delle performing arts. Spiegare perché in Italia gli spettacoli dal vivo registrano la presenza di migliaia di spettatori se l'evento è gratuito e poche decine di spettatori per lo stesso spettacolo se si paga un pur basso biglietto è davvero complicato e richiederebbe l'intervento di sociologi, psicologi, esperti e soubrette.

Partecipare al patrimonio. Riflessioni su nuove modalità di rapporto tra pubblico, patrimonio culturale e territorio

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Giugno 2005
Noemi Satta

Un interessante convegno di qualche mese fa parlando dell'introduzione della narrazione nei musei, esattamente dello story telling e di nuove modalità per la didattica e per l'animazione culturale nei musei, metteva al centro direttamente o indirettamente il ruolo del pubblico e il rapporto di questo con i musei.

Le politiche del pubblico dei musei italiani. Tra bilanci e prospettive.

Intervista a Ludovico Solima a cura di Alessandro Bollo

Tipologia: 
Intervista/Reportage
Data pubblicazione: 
Giugno 2005

Caro Ludovico, da parecchio tempo ti occupi di problematiche legate al management e al marketing dei musei. Provando a fare un bilancio degli ultimi anni, quali aspetti di cambiamento nel processo di "messa in offerta" del patrimonio museale italiano ti sembrano particolarmente rilevanti?
 

Gli eventi culturali. Ideazione, progettazione, marketing, comunicazione

Recensione
Data pubblicazione: 
Giugno 2005
Copertina del libro Gli eventi culturali
Titolo: 

Gli eventi culturali. Ideazione, progettazione, marketing, comunicazione

Autore del libro: 
Lucio Argano, Alessandro Bollo, Paolo Dalla Sega, Candida Vivalda
Indicazioni bibliografiche: 

Franco Angeli, Milano, 2005

Nell'ambito degli studi di economia e organizzazione della cultura, il macro-aggregato degli "eventi" è stato per certi versi marginalizzato per un motivo principale, l'estrema eterogeneità delle fattispecie che ricadono in tale definizione di eventi. Aver affrontato, da un punto di vista logico unitario, tale tematica costituisce un merito esclusivo del volume ed un elemento di assoluta novità nella produzione scientifica italiana.

Il contratto estetico tra Arte e Economia

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Febbraio 2005
Emiliano De Maio

La qualità dello scambio e della relazione determinano la convivenza, e quindi l’evoluzione, degli elementi costituenti un contesto. Ogni entità vive e si costituisce in quanto parte di in un sistema complesso, inevitabilmente inserito in una rete di relazioni necessarie alla propria sopravvivenza.

Nuove logiche e nuovi strumenti per la progettazione.

Intervista a Lucio Argano a cura di Alessandro Bollo

Tipologia: 
Intervista/Reportage
Data pubblicazione: 
Gennaio 2005

Con Lucio Argano si apriva "Caro Esperto", un ciclo di interviste a professionisti e studiosi del management, del marketing e della progettazione culturale. E’ indubbio che negli ultimi anni in Italia si sia verificato un aumento dell’interesse per questi temi e una proliferazione di libri e convegni specialistici; la quantità di informazioni disponibili stimola un ulteriore bisogno di conoscenza e di approfondimento.

La Gestione del Marketing nelle Organizzazioni Culturali: un caso studio sui musei Catalani

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Novembre 2004

Il primo riferimento al marketing applicabile alle organizzazioni che non si dedicano esclusivamente ad attività industriali e commerciali venne fatto da Kotler e Levy (1969), allargando così il concetto del marketing stesso. Questi autori propongono l’applicazione di concetti e di principi di marketing ad ogni organizzazione che potenzialmente può coinvolgere ed essere coinvoltà in attività di scambio, incluse le organizzazioni senza scopo di lucro.

Trianon - il teatro della canzone napoletana: strategie di marketing per un giovane teatro

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Settembre 2004
Dario Ferrante

Questo articolo presenta l'esperienza del Trianon, storico teatro situato nel centro antico di Napoli. Costruito nel 1911, il Trianon ha ospitato i più grandi interpreti del teatro napoletano: da Totò a Macario, dai fratelli De Filippo alla compagnia Cafiero-Fumo. Dopo alterne vicende (negli anni Quaranta venne trasformato in cinema), il teatro Trianon ha riaperto il sipario il 7 dicembre 2002 dopo tre anni di lavoro di restauro, diventando così il primo teatro al mondo dedicato stabilmente alla canzone napoletana.