Territorio e sviluppo locale

L'innovazione culturale si prende il proprio spazio

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Marzo 2015
Francesca Vittori

Con culturability il concetto di fare impresa con la cultura è sceso tra la gente per attraversare l'Italia in un tour durato tre settimane che ha toccato diverse città. Da Torino a Palermo, passando per Milano, Napoli, Firenze e Bari, sei incontri per raccontare l'iniziativa e rispondere alle domande degli interessati, ma anche per confrontarsi con le istituzioni e gli altri interlocutori locali. Questa nuova edizione del bando parte dall'incontro con le comunità come cardine di un'iniziativa che vede nella cultura un fattore di inclusione sociale e uno strumento per promuovere il benessere individuale e collettivo. In che modo? Stimolando la fioritura di nuove iniziative che abbiano l'obiettivo di far crescere le comunità, mettendo al centro quelle che il premio Nobel Amartya Sen definisce le 'capabilities' ovvero quelle capacità che contribuiscono allo sviluppo della libertà individuale e al miglioramento della qualità della vita.

 

Articolo tratto da "Il Giornale delle Fondazioni", Febbraio 2015

Leggi l'articolo completo

Spazi sfitti o location espositive? Paratissima 8 e il suo rapporto con il territorio

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Marzo 2013
Roberto Albano

Un evento che è cresciuto insieme al territorio legando a esso il suo percorso evolutivo, in crescita continua come testimoniato da numeri e statistiche. Dal 2005, Paratissima, è stata opportunità di visibilità per migliaia di artisti, ma anche per una moltitudine di spazi commerciali e non, disseminati per Torino e trasformati, per l'occasione, in location espositive temporanee.

Il paesaggio nello sguardo. Beni culturali e paesaggio utili per lo sviluppo locale

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Ottobre 2011
Paolo Castelnovi

In Italia i beni culturali e quelli ambientali sono per lo più considerati “patrimonio non disponibile” all’uso, come se i progetti d’uso fossero contrari alla conservazione e portassero il degrado del bene stesso. Da qualche anno, però, i migliori programmi di sviluppo locale si basano proprio sul paesaggio e pongono i beni come risorsa utile per un modello di economia locale sostenibile e innovativo. Inoltre, come riconosciuto dall’IUCN, l’Unione mondiale per la conservazione delle natura, le componenti ambientali più importanti si conservano meglio se inserite in processi equilibrati di utilizzo da parte di comunità consapevoli.
I temi legati alla gestione del territorio sono trattati approfonditamente nel Corso di alta formazione "Paesaggio Utile. Progetti di gestione del paesaggio" organizzato da Fondazione Fitzcarraldo onlus, in collaborazione con Landscapefor, con la supervisione scientifica di Paolo Castelnovi. Le selezioni sono aperte, sono disponibili borse di studio. Presentazione del corso: 5 novembre al Lingotto di Torino, nel quadro del Salone DNA Italia - Tecnologia cultura economia per il Patrimonio.

La grande scommessa. Quanto rende investire in cultura sui territori?

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Settembre 2011
Alessandro BolloAlessandro Hinna

Quanto rende investire in cultura? La domanda è indubbiamente glamour, tant'è che a porla non sono più seriosi economisti della cultura, ma i giornali quotidiani, preferibilmente nelle pagine di cronaca locale, generalmente in concomitanza con la nascita di qualche nuovo evento o progetto a cui si chiede di esibire patente e libretto di sostenibilità, di fronte alle minacce di chiusura di enti e istituzioni “storiche”, a corredo del dibattito politico molto impegnato a capire che tipo di virtù ci si può permettere dato l’attuale stato di necessità.

Queste tematiche verranno affrontate nel corso del workshop La grande scommessa. Quanto rende investire in cultura sui territori? che si svolgerà nel corso di ArtLab 2011 che si terrà a Lecce il 23 e 24 settembre 2011. Il workshop, più che dare risposte, intende aprire la riflessione a partire dall’individuazione delle domande che è più opportuno portare all’agenda del dibattito.  

Interzona: una realtà indipendente “fra” le maglie della cultura

intervista a Interzona Verona a cura di Neve Mazzoleni

Tipologia: 
Intervista/Reportage
Data pubblicazione: 
Luglio 2010

Interzona è un’associazione indipendente con una base sociale di oltre 6.000 persone. Si sostiene grazie al frutto della sua offerta culturale, focalizzata sulla musica, con una programmazione che ha portato a Verona band di levatura internazionale della scena indipendente. Interzona offre anche rassegne teatrali e mostre, sperimentazioni di linguaggi contemporanei, ma soprattutto uno spazio di dialogo e di confronto libero e aperto.

North to South: Space for Memories

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Aprile 2010
Natasha BorgSara Falconi

North to South: Space for Memories was designed in spring 2009 as an experiment that aimed at exploring three spatial realities and the interaction between these spaces and their inhabitants, both in a contemporary and in a historical perspective. To this end, the project involved two different generations.
The project was implemented between June 2009 and February 2010 with the support of the European Cultural Foundation, the Amsterdam-based organisation that focuses on cultural cooperation as an instrument for European integration.

Periferie, cultura e inclusione sociale

Recensione
Data pubblicazione: 
Febbraio 2010
Periferie, cultura e inclusione sociale
Titolo: 

Periferie, cultura e inclusione sociale

Autore del libro: 
Simona Bodo, Cristina Da Milano, Silvia Mascheroni (a cura di)
Indicazioni bibliografiche: 

Fondazione Cariplo, Quaderni dell’Osservatorio n. 1, Milano 2009

L'ospitalità alternativa per il settore culturale

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Ottobre 2009
Vincenzo Bevar

Quando si parla di "mobilità" nel settore culturale, ci si riferisce solitamente ad artisti ed opere; nell'"età dell'accesso" risulta però altrettanto interessante analizzare la mobilità del pubblico, cercando di capire quali sono le strade già battute e le frontiere per il futuro. Le soluzioni per la mobilità del pubblico, in particolare per lo spettacolo dal vivo, costituiscono infatti un tema ancora da approfondire.

Le VIE di Settembre al Borgo. La valutazione delle ricadute socio-economiche del festival sulla Città di Caserta

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Febbraio 2008
Flavio Bocciero
Settori: Festival

Gli strumenti per la promozione e la distribuzione delle rappresentazioni artistiche si sono moltiplicati in modo più che esponenziale negli ultimi decenni e la diffusione di opere teatrali, musicali o cinematografiche può oggi contare su supporti prima neanche immaginabili: network televisivi specializzati che programmano quasi esclusivamente film d'autore o concerti di grande levatura, senza parlare della nuova prassi del downloading dalle reti Internet o della possibilità di usufruire di contenuti audiovisivi direttamente sui telefoni cellulari.

Festival di energie alter-native. Un festival interamente alimentato da energie "private"

Tipologia: 
Articolo
Data pubblicazione: 
Febbraio 2008
Dario Ferrante
Settori: Festival

Il Festival di energie alter-native è il primo e unico festival tematico in Italia per la promozione della cultura e delle applicazioni pratiche delle energie rinnovabili.